SAVNO DONA 6 MEZZI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ALLA CITTA’ DI GRAND BASSAM (COSTA D’AVORIO)

Vittorio Veneto 05/09/2016 - Sei mezzi idonei alla raccolta ed al trattamento dei rifiuti da raccolta differenziata sono stati donati questa mattina da Savno direttamente ai rappresentanti della città Ivoriana, una realtà di 70.000 abitanti posizionata nella zona sud ovest dell’Africa.
“I mezzi che vengono donati sono ancora funzionanti – spiega il presidente di Savno Giacomo De Luca. La società aveva già deciso di cambiarli nell’ottica di un rinnovamento del parco mezzi che porta alla sostituzione dei mezzi alimentati a gasolio con quelli a metano e a biometano; una trasformazione che porta benefici sia economici che ambientali alla società e a tutto l’ambiente.
Nel donare a Grand Bassam questi mezzi, vogliamo anche far passare un messaggio chiaro: aiutare queste persone a migliorare la terra in cui vivono. Se i nostri avi nel passato non si fossero preoccupati solo di sfruttare l’Africa ma avessero lavorato anche per far crescere le popolazioni che ci vivono, oggi non saremmo di fronte all’esodo biblico che stiamo vivendo. Oltretutto voglio sottolineare che i mezzi che stiamo donando sono idonei a tutte le fasi della raccolta differenziata, dal mezzo di raccolta fino al compattatore proprio per coprire tutto il percorso del trattamento del rifiuto. Naturalmente mi sono raccomandato con il sindaco di Grand Bassam perché questi mezzi vengano usati con le dovute modalità e perché tutta la città si impegni in un percorso di crescita nella gestione dei rifiuti”.
“Credo che la modalità scelta sia quella giusta – ha spiegato il sindaco di Conegliano Floriano Zambon – perché se è vero che il nostro territorio, assieme ad altri, sta sopportando il peso di un flusso migratorio destinato a durare ancora molto a lungo, è anche vero che l’accoglienza rischia di diventare inutile se non viene accompagnata da un lavoro per far migliorare le condizioni di vita di queste popolazioni a casa loro”.
“Questo è un altro modo, complementare, di aiutare queste popolazioni – ha aggiunto Roberto Tonon sindaco di Vittorio Veneto  - una modalità che è in linea con quella dei missionari”.
Alla cerimonia è intervenuta anche Paola De Palma, funzionario della prefettura che si occupa proprio della gestione degli immigrati: “La situazione di emergenza va affrontata con l’aiuto di tutti, perché ci troviamo di fronte ad un fenomeno molto grande, di portata storica. Certamente iniziare a collaborare con queste popolazioni anche nei loro territorio è importante”.
E’ toccato al sindaco di Grand Bassam, George Ezaley, tirare le fila della giornata e ringraziare tutti: “Questa iniziativa, ‘Savno for Africa’ prosegue una collaborazione che abbiamo iniziato anni fa con la cooperativa Montericco, la comunità San Francesco ed il gruppo ‘Abele’ di don Ciotti, grazie alla instancabile opera di Carlo Bovo – ha spiegato – la nostra città sta cercando forme di collaborazione in tutta Europa proprio perché vuole sviluppare una gestione dei rifiuti che la renda autonoma. Questi mezzi, come quelli che ci sono stati donati anni fa da Sesa, svolgeranno una funzione importante ma non saranno gli unici, continueremo ad aumentare la cura del territorio per rendere migliore, per i nostri figli, la nostra terra”.